Dal libro “Il primo cinquantennio” di Padre Roberto Lecchini

Pensiamo di sì, almeno da parte di quei molti parrocchiani di S. Antonio ai quali preme sul serio un grande avvenire cristiano-sociale della loro Parrocchia.Ed è in questa fiducia, qusi certezza, che vi presentiamo la nostra proposta.Premettiamo che non ci sembra necessario insistere a pro­spettarvi il bisogno urgente di un più vasto salone per le nostre adunate e attività ricreative.Non è nemmeno necessario ripetervi il nostro deciso propo­sito di far fronte a tempo indeterminato a tale urgente bisogno.È invece opportuno informarvi che intendiamo accingerci al lavoro quanto prima, e cioè entro l’estate, pur non dispo­nendo d’altri mezzi all’infuori di una grande fiducia nella Prov­videnza e nel vostro aiuto.Voi potete aiutarci; lo potete senza gravi incomodi acco­gliendo la proposta che ora vi esponiamo.Si tratta di un prestito di proporzioni modestissime, bene inteso senza interessi, per la durata di poco più di un anno. Noi lo intitoliamo

Prestito «Regina Pacis»

Il valore del prestito è di L. 5.000 oppure di L. 10.000 a scelta.
La durata del prestito è indeterminata, però è stabilito che la restituzione avrà inizio certamente non dopo la prima dome­nica di ottobre 1957 e probabilmente anche prima, e cioè all’a­pertura del nuovo Salone Cinema.
Per la restituzione ai prestatori si procederà nel modo seguente: ogni domenica sera, negli intervalli delle proiezioni cinematografiche, si estrarrà a sorte un numero, che darà diritto all’immediato rimborso del prestito al possessore della ricevuta segnata col numero corrispondente. L’estrazione avrà luogo set­timanalmente.
L’estrazione dell’ultima domenica del mese darà diritto pure a un premio.
Il valore unitario di ogni prestito «Regina Pacis» è, come abbiamo detto, di sole L. 5.000 o L. 10.000 tanto per dare pos­sibilità di parteciparvi anche alle famiglie di modeste condizioni finanziarie, ma si nutre fiducia che le famiglie più agiate non vorranno limitarsi ad un prestito solo.
Questa è la nostra proposta. Vi sembra accettabile? Atten­diamo dai fatti la risposta.
Siate generosi!
La piccola cifra, di cui non vi private ma che solo accan­tonate per breve tempo, a noi servirà di valido impulso a lavo­rare per il bene spirituale e sociale vostro e dei vostri figli; a voi darà il merito davanti a Dio di una grande opera di carità e di religione a vantaggio di una grande causa qual è la causa cristiana.

Leave A Comment

Related Posts